LIBRI & FORNELLI DI FABIO CAMPOLI, RICETTE SPECIALI PER MOACASA

Fabio Campoli porta in cucina i libri con la sua nuova rubrica “Libri & Fornelli”, proposta nei nove giorni di Moa casa direttamente da Alice Tv.Un'idea originale che unisce cucina, cultura e curiosità. I libri sono delle vere e proprie chicche della lettura gastranomica. Nessun romanzo o libro di tecnica o alta cucina, ma l'amore e la passione per il “mangiare” espressa da una serie di personaggi famosi: Fabrizi, Manfredi, Ave Ninchi, la Loren, Tognazzi, addirittura Bramieri e Raffaella Carrà.In percorso di cucina, ma soprattutto sociale, attraverso cui scoprire come cambia la cultura del cibo e cosa si intende per “mangiare bene”. Visioni completamente diverse tra la cucina tipica del territorio di Aldo Fabrizi, che incarna la cultura del popolo romano e del prodotto contadino e genuino e la cultura raffinata della tavola di Ugo Tognazzi, sicuramente più gourmet e aristocratico. Come lo stesso chef racconta: “E' stata una lunga ricerca, fatta con i volumi della mia biblioteca, ma molto divertente e sorprendente. Scoprire come la cultura cambia, cosa piaceva mangiare e come cuincarle. Ho seguito le loro indicazioni e poi ho rivisitato la ricetta a modo mio, secondo la mia cucina”. Ogni lezione è stata accompagnata dalla lettura di alcune pagine, delle ricette in versi di Fabrizi, da stralci di spot, interviste e film. Insomma una lezione documentario di grande interesse, che ha trattenuto il pubblico di MoaCasa per più di un'ora nello spazio del Circolo dei Buongustai.Si comincia con Nino Manfredi e la sua Amatriciana, si segue con Aldo Fabrizi e la sua “pasta primavera” a base di salsiccia e uovo, presa come esempio ironico di leggerezza, ricetta tutta rigorosamente scritta in romano e che incarna molto la cultura dell'osteria. Altro esempio di buona cucina, vicino alle massaie, è quella di Ave Ninchi, personaggio televisivo che ha portato la cucina in tv, e di cui Fabio campoli ha proposto “Riso Adamo ed Ave”. Diverse poi le idee di Raffaella Carrà che si dedica a un involtino di carne con carciofi e di Ugo Tognazzi che si diletta con un risotto prosciutto e ostriche. Si chiude con Sophia Loren e la sua frittata di pasta e Gino Bramieri con le Tagliatelle del Gustavino.