CAMPOLI GIURATO D’ECCEZIONE AL GRAN TROFEO D’ORO DELLA RISTORAZIONE ITALIANA

Il prossimo 25 febbraio il Centro Fiera del Garda riaccenderà le luci sulla 6° edizione del «Gran Trofeo d’Oro della Ristorazione Italiana», il concorso che coinvolge le scuole alberghiere italiane ed europee in una gara spettacolo ai fornelli. Un progetto organizzato dalla Provincia di Brescia – in collaborazione con il Centro Vitivinicolo Provinciale, CASTAlimenti ed ALMA – per offrire agli studenti una prestigiosa vetrina dove mostrare il loro talento e le eccellenze del territorio di origine. Il concorso rappresenta da 6 anni una grande opportunità sia per i ragazzi, futuro della ristorazione italiana, sia per il territorio e le aziende agricole che diventano protagonisti della sfida. Il concorso vanta da alcuni anni la collaborazione con le scuole di cucina internazionale fondate da Iginio Massari e Gualtiero Marchesi (ovvero CASTAlimenti ed ALMA), ha ottenuto l’adesione della Presidenza della Repubblica e il contributo del Ministero delle Politiche Agricole, del Ministero dell’Istruzione e dell’Unione delle Province d’Italia. A valutarli quest’anno ci sarà inoltre una giuria d’eccezione: accanto al Maestro dei Maestri Pasticcieri Italiani Iginio Massari, ci sarà Fabio Campoli, uno degli chef più acclamati del panorama gastronomico italiano nonché presidente del Circolo dei Buongustai e il Miglior Sommellier del Mondo Luca Gardini. Il Campionato prevede la partecipazione di studenti e insegnati provenienti da tutte le Regioni Italiane e da 4 paesi Europei. Tante le prove che chiameranno in causa il territorio e i suoi rappresentanti. In cucina e in sala la parola d’ordine sarà infatti «contaminazione»: contaminazione tra cultura, cucina, prodotti, tradizioni gastronomiche regionali e i principi della Dieta Mediterranea promossi dall’INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione), che quest’anno patrocina la competizione. Ma non è tutto. Il progetto si pone l’obiettivo generale di sostenere la formazione professionale e l’occupabilità dei giovani nel settore turistico-ristorativo con l’intento di accrescere lo spirito di iniziativa e di imprenditorialità tra le giovani leve e con il fine di svilupparne la competenza culturale legata ai prodotti enogastronomici. Inoltre, il progetto si pone l’obiettivo di diffondere uno stile alimentare sano e corretto secondo i canoni suggeriti dalla Dieta Mediterranea anche nell’alimentazione proposta dalla Ristorazione.