LA CUCINA D'AMARE DEL CIRCOLO DEI BUONGUSTAI CONQUISTA IL BIG BLU

Non solo showcooking e lezioni di cucina, ma veri e propri pause pranzo o aperitivi con l'iniziativa CUCINA D'AMARE firmata Circolo Buongustai e Fiera di Roma. Un progetto pensato per affiancare nel padiglione di Obiettivo Mare la cultura gastronomica del Mediterraneo alla cultura del mare e per offrire a espositori e visitatori un punto ristoro accogliente e gustoso. Ogni giorno l'appuntamento è con Fabio Campoli che propone una lezione di cucina con le sue ricette di mare e per i golosi che non sanno resistere ci pensa il Circolo dei Buongustai con l'angolo degustazione. Un menu della tradizione gastronomica marinara, rivisitato dallo chef Campoli e proposta in versione “street food”, dai finger food tipo le “perle di Fabio Campoli” o i crostini al tonno, allo sgombro o con trota affumicata, alle trofie al sugo di gamberi o i fusilli al tonno. Per continuare poi con il tipico crostino alla romana con mozzarella e alici e una frittura di fish e chips da leccarsi le dita o una buonissima zuppa di fagioli e frutti di mare. A questi si abbinano i vini scelti dal Circolo dei Buongustai: Prosecco dalle Crode, Epos Poggio Le Volpi e Pecorino dell'Azienda agricola Sarchese. Oltre ai vini tutti gli ingredienti per i piatti realizzati sono stati selezionati dallo chef attraverso le aziende partner da anni del Circolo dei Buongustai come Fritto King, Bollicine Mare in Tavola, i Prodotti del Mezzogiorno, Acqua di Nepi, Espressaroma, l'Accademia del Bergamotto, l'olio Quattrociocchi, i prodotti ittici del Centro Agroalimentare Roma e la new entry del paniere dei buongustai il Tonno Callipo. Aziende che lavorano in qualità e con coscienza e che il Circolo ha scelto nelle sue attività come sinonimo di gusto e bontà. Successo, dunque, per la Cucina d'Amare momento fisso per chi passa dal padiglione 1, per un break gastronomico di qualità. Tutti i commensali sono stati letteralmente conquistati. Non ci resta che estendere l'invito per gli ultimi giorni rimasti per visitare il Big Blu e godere della cucina del Circolo dei Buongustai e di Fabio Campoli.