DIARIO BIG BLU: “UN MARE DI PIZZA” PER IL MIPAAF

Tra convegni, incontri, cucina e mostre non poteva mancare il Ministero delle politiche agricole, protagonista in questa edizione del Big Blu con il progetto MARINANDO. Un progetto che ha l'obiettivo di avvicinare gli alunni delle scuole al mondo marino dai diversi punti di vista. All'interno di Marinando Pelagos con il Circolo dei Buongustai di Fabio Campoli propongono uno speciale concorso gastronomico per gli under 18. Titolo della gara è UN MARE DI PIZZA, nata con l'idea di avvicinare i ragazzi alla cucina di mare attraverso un piatto gustoso e amato tra i giovani come la pizza. Lunedì 20 febbraio sono partite le prime manche di questo particolare contest che si svolgeranno fino a mercoledì 22, i vincitori delle singole “partite” saranno rimessi in giudizio per il premio finale di domenica 26 febbraio, giornata conclusiva del Big Blu. Protagonisti di queste gare ai fornelli, assistiti e giudicati dallo chef Fabio Campoli, gli alunni delle scuole medie della provincia romana, che si sono destreggiati tra mestoli, pomodoro e frutti di mare per creare la loro pizza marinara originale. Per ogni classe sono stati scelti 9 allievi. Tutti i ragazzi hanno avuto a disposizione dieci ingredienti per comporre la loro pizza secondo i loro gusti e la loro fantasia. Ciliegina sulla torta di questa composizione è il nome scelto, rigorosamente originale e ispirato al mondo del mare. Come ben si può dedurre vince la pizza col nome più fantasioso e gli ingredienti meglio abbinati. Nei primi giorni di gara i ragazzi finalisti hanno proposto delle pizze particolarissime con nomi altrettanto particolari. C'è chi ha chiamato la pizza come il proprio paese o il proprio professore, chi fonde insieme i nomi degli ingredienti per coniare dei nomi composti simpaticissimi, chi si ispira ai paesaggi amrini. Tanta fantasia in campo per questo gioco, che ha messo i ragazzi letteralmente con le mani in pasta. Ogni partecipante ha a disposizione un grembiule e un cappello da cuoco e così trasformati da provetti chef o pizzaioli hanno dato libero sfogo alla loro creatività, divertendosi, imparando e alla fine degustando anche ciò che hanno preparato. Domenica 26 si proclamerà la pizza vincitrice più “originale” che sia stata preparata.