Ultima tappa del Giro d’Italia con Fabio Campoli a Verona

Si conclude il Giro d’Italia, in una grande festa a Verona domenica 3= maggio 2010 a partire dalla mattina. Ultima giornata di sport, salute e sapori in compagnia del Circolo dei Buongustai di Fabio Campoli, che per 21 tappe ha viaggiato insieme alla carovana del Giro per allietare i palati di sportivi, cronisti e tanti altri ospiti, e in questa ultima tappa celebra il successo di questa grande manifestazione. Anche quest’anno il Giro d’Italia ha saputo coniugare sport, territorio e sapori con l’iniziativa del Ministero delle politiche agricole e forestali “La Qualità in giro” sposata e promossa insieme al noto chef di Rai Uno Fabio Campoli e al suo Circolo dei Buongustai. Il Circolo dei Buongustai si è infatti trasforma in quest’occasione in un’Associazione itinerante ed è stata presente nelle tante piazze italiane protagoniste delle tappe della gara ciclistica insieme al Ministero delle politiche agricole. Ogni giorno presso lo stand del Mipaaf il Circolo dei Buongustai ha realizzato una ricetta studiata e firmata dallo chef Campoli utilizzando e valorizzando le eccellenze del territorio legato ad ogni tappa promuovendo i prodotti DOC e IGP nell’ottica di un campagna di valorizzazione delle tipicità “La Qualità in Giro”. Alla tappa finale di Verona lo chef Fabio Campoli sarà presente allo stand con uno speciale evento enogastromico e con una serie di dimostrazioni curate in prima persona. "E se questo tour ciclistico avrà un suo vincitore - dichiara lo chef - nel tour gastronomico con cui vi abbiamo tenuto compagnia in questo mese vincono le bontà tutte “Made in Italy”,nessuna esclusa. Appuntamento allo sponsor Village , da dove prenderà il via e terminerà l'ultima tappa di questo strepitoso Giro d'Italia. La ricetta del giorno per chiudere con gusto, sarà un piatto tipico del territorio, per valorizzare e presentare il Radicchio Rosso di Treviso e il buonissimo Asiago dop con “Polenta con Asiago Dop e Radicchio Rosso di Treviso Igp scottato all’Olio extravergine di oliva del Grada Dop”.